ALUNNI DSA(disturbi specifici dell'apprendimento) e BES (bisogni educativi speciali)

Il nostro Istituto, basandosi sulla normativa vigente, persegue una politica dell’inclusione che cerchi di garantire il successo scolastico a tutti gli alunni, compresi quelli che richiedono speciali attenzioni. In quest’ottica sarà possibile, anche per quegli studenti, che trovandosi in particolari condizioni di disagio, in modo continuato o per periodi limitati di tempo, pur non avendo una certificazione né di disabilità, né di dislessia - le due condizioni riconosciute dalla Legge, (104/92 e 170/2010) – avere un piano didattico personalizzato, con obiettivi, strumenti e valutazioni pensati su misura per loro. In particolare la L. 170/2010 apre un diverso canale di cura educativa, rendendo concreti i principi di personalizzazione dei percorsi di studio enunciati nella legge 53/2003, nella prospettiva della presa in carico dell’alunno con BES (Bisogni Educativi Speciali) da parte sia di ciascun docente curriculare e sia di tutto il consiglio di classe coinvolto (Direttiva Ministeriale del 27/12/2012, Circolare Ministeriale n°8/2013, Nota Ministeriale 1551 del 27/06/2013)

Il nostro Istituto, pertanto, attiverà un Protocollo, denominato di “Buone Prassi” per gli alunni certificati DSA ma applicando, qualora necessario, la personalizzazione della didattica (PEP – Piano Educativo Personalizzato) e le misure compensative e dispensative in esso contenute, agli alunni con BES, per una presa in carico globale ed inclusiva di tutti gli alunni.

Finalità generali del Protocollo sono:

  • garantire il diritto all’istruzione e i necessari supporti agli alunni con DSA e BES;

  • favorire il successo scolastico e prevenire blocchi nell’apprendimento di questi alunni, agevolandone la piena integrazione sociale e culturale;

  • adottare forme di corretta formazione che prevedano un ruolo attivo degli insegnanti e di tutti i soggetti coinvolti.

Il Protocollo costituisce uno strumento di lavoro e pertanto è soggetto a modifiche e integrazioni periodiche. Questo documento è parte integrante del POF e si propone di definire pratiche comuni all’interno dell’istituto e di facilitare l’accoglienza e la realizzazione di un proficuo percorso formativo degli studenti con DSA e BES.